italiachecambia-1

Paolo Rossi, il fotografo dei lupi: “Vi racconto il mio nuovo cortometraggio”

https://www.italiachecambia.org/

Scritto da Valentina D’Amora

Paolo Rossi è un documentarista e fotografo genovese: dopo aver cercato (e trovato) i lupi sul territorio ligure, è riuscito, per primo, a immortalare il gatto selvatico allo stato brado in Liguria, di cui ha raccontato gli incontri nel cortometraggio “Felis”. Oggi torna con il suo quarto documentario incentrato sulla convivenza dell’uomo con gli animali selvatici.

Paolo Rossi è un fotografo e regista genovese, capace di far appassionare al “selvatico” chiunque lo ascolti, anche per pochi minuti. Con il suo linguaggio semplice, intrecciato con aneddoti e ironia, negli anni ha saputo affascinare grandi e piccoli mostrando i suoi scatti durante conferenze e workshop. Oggi ho deciso di raccontarvi la sua storia, iniziata dal suo vivace interesse nei confronti del Canis lupus, il lupo europeo, e della sua straordinaria capacità di adattamento.

Nel fitto della foresta

«Quello che oggi è il mio lavoro è nato da una passione sbocciata alle superiori: mi sono diplomato alla scuola agraria con una tesina dal titolo “Il ritorno del lupo in Liguria” e, invece di proseguire con un percorso accademico, mi sono reso conto che quello che desideravo di più era vedere un lupo dal vero». Per questo, dopo la maturità, Paolo inizia ad abbinare il suo anelito a numerosi lavori part-time: «La mia è stata una lunghissima gavetta, in cui nel tempo perfezionavo sempre di più le mie conoscenze, osservavo, approfondivo e studiavo. Finché poi, finalmente, ho iniziato ad avvistare e a fotografare i lupi, anche se per raggiungere questo obiettivo mi sono impegnato per dieci anni».

«In un certo senso, posso dire che questo sia diventato il mio mestiere per caso, perché mi sono ritrovato a sentirmi chiedere da tanti: “Portaci sulle tracce del lupo”, “Perché non crei delle magliette sul nostro entroterra?”, “Perché non pubblichi un libro fotografico con i tuoi scatti?”. E numerose altre richieste simili». Oggi organizza escursioni e workshop in natura e, a partire dal 2017, ha pubblicato ben tre libri a tiratura limitata: “Lupi estremi”, “Incivili” e “Le ombre tra i faggi”. Parallelamente alle pubblicazioni, Paolo si avvicina anche al mondo dei documentari perché desidera affrontare con un diverso linguaggio sempre temi legati al mondo degli animali selvatici, ma da un’angolazione nuova: così inizia a realizzarli in modo indipendente, senza sponsor, esclusivamente con finanziamenti dal basso. Escono “Vacche ribelli”, “La vendetta del lupo monco”, “Felis” e il suo quarto corto: “Sopravvissuti all’homo sapiens”, di cui ha appena lanciato un crowdfunding .

Ambienti primitivi

L’APPROCCIO

Al fotografo piace paragonare il suo percorso da naturalista al rapporto tra indigeni e lupi, che lo affascina molto perché è umile e non pretende risposte: «In questi anni sono stato come un bambino indigeno, perché nemmeno io pretendevo risposte. Sono partito proprio dalle tracce dell’animale: le seguivo, le studiavo, ma non riuscivo comunque a vederli. Solo con l’esperienza ho capito in cosa sbagliavo e ho corretto il tiro: per esempio, mi sono reso conto che non stavo abbastanza tempo in natura e ho iniziato a farlo in ogni stagione e anche di notte».

Durante le nottate all’addiaccio, Paolo si rende conto quanto sia necessario riuscire a scacciare le proprie paure: «È così che il rapporto con te stesso si evolve, smetti di essere legato all’idea dello stare sempre in compagnia, in qualche modo protetto, e piano piano superi tutti quei timori che ti permettono di fare il “salto di qualità”. Ed è solo continuando a provare, che sono riuscito a scattare foto che nessuno prima era riuscito a fare». Quelle di Paolo Rossi, in effetti, sono foto uniche: oltre agli scatti ai lupi, è riuscito per primo a immortalare il Felis silvestris in Liguria, una specie felina estremamente elusiva, di cui nessuno prima aveva mai documentato la presenza sul territorio.

Lo sguardo del predatore

In questi anni il fotografo s’è fatto conoscere da tantissime persone e oggi ha uno straordinario seguito che apprezza il suo lavoro e che lo sostiene in tutti i suoi progetti. «Durante questo mio percorso non ho mai ricevuto sostegno da parte di enti, parchi o sponsor tecnici. Il successo è arrivato dal basso e solo grazie a quello che in questi anni sono riuscito a creare».

L’ambizione di Paolo, però. non si esaurisce nel fare qualcosa in cui gli altri fotografi non riescono, ma nella divulgazione, attraverso mostre, conferenze e incontri nelle scuole che sono la spina dorsale del suo lavoro.

IL NUOVO DOCUMENTARIO

“Sopravvisuti all’Homo sapiens” è un cortometraggio che racconta quali animali selvatici hanno resistito tra le montagne dell’Appennino ligure/piemontese negli anni di massima espansione della civiltà rurale. La situazione viene analizzata su tre fronti: storico, quindi perché l’uomo in passato ha sterminato gli animali; documentaristico, con le straordinarie immagini girate nei boschi da Paolo e il suo staff di naturalisti; scientifica, con l’intervista a un biologo che illustra per quali motivi sono riusciti a resistere all’uomo.

«Sono contento, perché stiamo creando documentari video e fotografici, mostrando tutto il bello che c’è proprio dietro casa: documentare la biodiversità ligure, in zone sconosciute ai più, che somigliano all’Alaska». E oltre a dimostrare l’esistenza di animali sconosciuti, Paolo porta avanti una battaglia etica anche dal punto di vista dell’impatto ambientale, perché i suoi lavori valorizzano l’ambiente e i territori poco conosciuti, seppur vicino casa. Concludo, sorridendo, il nostro incontro, chiedendogli come si vede tra dieci anni, visti i progressi del decennio appena trascorso: «Morto assiderato!».

Una chiacchierata illuminante che fa venire voglia di appassionarsi all’argomento, perché le sue immagini, che immortalano i nostri boschi in tutta la loro bellezza, sono un carburante positivo dei confronti della biodiversità locale.

01255006 PROVA INSTA

Il gatto e la volpe – storie di resistenza

Il gatto e la volpe – storie di resistenza

Giovedì 21 gennaio 2021 La Repubblica

Di Erica Manna

articolo

“Parto dal presupposto che l’animale selvatico è più intelligente di me perché io nel suo ambiente posso resistere solo poche ore. Lui è a casa sua”

 

Paolo Rossi, oltre vent’anni di immagini alla scoperta delle specie selvatiche.

Ora prepara il suo quarto film: Sopravvissuti all’Homo sapiens

 paolo rossi di lucia traverso2

La foto a cui è più legato <<è quella che devo ancora fare: a un gatto selvatico. Non è facile, ma non mi arrendo: vincerò io>>. Se ci pensa un po’, c’è anche quello scatto che ha inseguito per sette anni: un lupo che sembra volare nel candore soffice dell’Appennino d’inverno. <<Ho scavato un buco nella neve alta e mi son appostato, non so per quanto: coperto da un piumino bianco dell’Ikea>>. Alla fine ce l’ha fatta: il lupo lo ha catturato. Con il suo obbiettivo.

Paolo Rossi ha 37 anni, un talento iscritto nel nome, e i suoi animali fantastici – esotici eppure vicinissimi a casa di sua nonna, a Casanova, in Val Trebbia, dove trascorreva le estati – li insegue da sempre. <<Passavo lì quattro mesi, ogni anno – racconta- e quando sono diventato maggiorenne, pur di andarci a maggio mi licenziavo da tutti i lavoretti che facevo. Per poi trovarne un altro a settembre.

La Volpe di PaoloRossi & NicolaRebora

Paolo Rossi fotografa lupi e animali selvatici nelle zone più selvagge dell’Appennino e delle Alpi italiane dal 2010, a livello professionale: nel 2014 le sue foto entrano a far parte del libro di Francesca Marucco Il lupo – biologia e gestione sulle Alpi e in Europa. Nel 2017 realizza il libro fotografico Lupi Estremi con SkullCreativeLab, e viene intervistato dalla Bbc: The magic moment of a wolf sighting. Nel 2018 dà vita a Incivili, libro fotografico con Mattia Parodi, e nel 2019 esce, sempre con Parodi, Le ombre tra i faggi. Da tre anni è anche regista di brevi documentari: Vacche Ribelli, La vendetta del lupo monco, Felis gatto sarvaego (con libro omonimo annesso – 350 copie) e il quarto è in lavorazione: Sopravvissuti all’Homo sapiens – una storia di resistenza selvatica. Sarà dedicato a volpi, gatti selvatici, faine, tassi. <<Mi affascinano questi animali che sono riusciti a resistere al dominio dell’uomo, in un ambiente che anni fa era molto antropizzato – racconta Rossi – grazie alle loro capacità e alla straordinaria elusività sono stati capaci di evitare trappole e fucilate>>. A rispondere alle domande ci sarà uno storico, un naturalista e altri interessanti personaggi, <<offriranno spiegazioni a curiosità anche mie>>. Nessuna foto è stata scattata da capanni o con esche di qualsiasi genere per attirare animali: <<Utilizziamo video-trappole che non li disturbino – spiega Rossi – si tratta di oggetti attaccati agli alberi, che si attivano quando rilevano una fonte di calore. E filmano>>. Il lavoro è già cominciato, con la collaborazione di Nicola Rebora, fotografo di lupi e fauna selvatica, e sarà finanziato attraverso un crowdfunding. <<Il ricavato verrà utilizzato per poter proseguire sul campo, con spostamenti in auto, interviste, controllo video-trappole, riprese audio e video. Poi, montaggio e musica, premi per i sostenitori, ovvero t-shirt – foto – libri – escursioni>>.

foto4di29

Quello che lo affascina, spiega Paolo Rossi, è il rapporto tra <<selvatico e civilizzato, una curiosità che mi perseguita fin da bambino. Il paradosso è che ci sono foto di animali selvatici da tutto il mondo, ma pochissime di quelli che vivono nei boschi dietro casa. Perché nessuno ti aiuta, devi studiare tu il comportamento di quegli animali. All’estero spesso usano esche, o altri escamotage. La nostra invece è una fotografia basata sul sacrificio e sull’umiltà. Parto dal presupposto che l’animale selvatico è più adattato all’ambiente naturale di me, quindi è più intelligente. Io nel suo ambiente posso resistere solo poche ore. Lui è a casa sua>>.

stretta version

Mostra artistica spontanea – 5sept 2021

stretta version

Sopravvissute all’Homo sapiens

Mostra artistica spontanea dedicata alle volpi

 

In occasione della creazione del mio prossimo film “Sopravvissuti all’Homo sapiens”, coadiuvato dagli amici Leo Lanzo e Dario Casarini, ho deciso di organizzare una mostra spontanea di un giorno dedicata alle volpi (Vulpes vulpes). Animali molto affascinanti, spesso ingiustamente perseguitati dall’uomo.

 

A differenza del film, che vedrà protagonisti svariati predatori, ho deciso di incentrare la mostra esclusivamente sulla volpe e sulle sue straordinarie capacità di sopravvivere in svariati ambienti (anche urbani) e di eludere con astuzia prodigiosa gli attacchi da parte dei predatori naturali e meno naturali (uomini armati di fucili e bracconieri armati di trappole). Esprimete liberamente i vostri sentimenti a riguardo attraverso il vostro animo artistico, indipendentemente dal vostro mezzo espressivo.

 

La partecipazione naturalmente è gratuita per tutti i partecipanti (adulti e bambini). La mostra si terrà all’aperto nella splendida cornice del paesino di Bocca di rosa: S.Ilario – alture di Nervi (Genova ) il 5 settembre 2021. Allestimento al mattino e apertura dal pomeriggio (pranzo al sacco). Per partecipare dovrete solo mandarmi una foto (basta una bozza) della vostra opera (senza fretta, quando sarà pronta) alla mia mail ufficiale prossifoto@gmail.com

 

Un saluto selvatico

Paolo Rossi

www.paorossi.it