Andrea “etico cercatore di lupi”

Appennino Piemontese – 17 Maggio 2018

Sono felice di fare una piccola intervista ad Andrea Nagliero, che nel suo tempo libero con rispetto e buon senso cattura immagini di lupo in libertà (Canis lupus italicus).

32377787_1237540086376984_2478515692538691584_n

Paolo Rossi: Andrea quando hai iniziato ad appassionarti nell’osservazione di animali selvatici?
Andrea Nagliero: È una passione che ho da sempre ma solo da due anni a questa parte ho avuto buoni risultati nella ricerca.

PR: risultati ottenuti soprattutto attraverso l’utilizzo di una foto-trappola giusto?
AN: Si uso da qualche anno una foto-trappola, è un mondo nuovo per me perché in passato non mi interessava più d tanto e mi limitavo a fare delle belle camminate e a cercare le tracce dei selvatici.

PR: non utilizzi esche o simili per attirare selvatici davanti alla tua foto-trap vero?!
AN: Vero, dare cibo ai selvatici è sbagliato: lupi e volpi oggi potrebbero mangiare una polpetta davanti alla mia video-trappola e domani potrebbero mangiarne una piena di veleno piazzata in giro da qualche bracconiere. Meglio dunque non abituare i carnivori a mangiare cose che non hanno ucciso loro, dopo tutto creature come i lupi sono affascinanti proprio perché sanno cavarsela da sole in condizioni climatiche difficili, come si vede nella mia immagine di lupi nella neve. 
Preferisco “guadagnarmi” i video e le foto senza scorciatoie ma attraverso lo studio e l’osservazione del bosco: studiando i sentieri e le zone dove i lupi hanno passaggi obbligati o cercando posti dove c’è stata una predazione o luoghi dove dormono gli animali o magari piazzando la foto-trap nei pressi una pozza d’acqua che invita naturalmente molti selvatici a servirsene per dissetarsi.

32781659_1628594037189912_2117976522596810752_n

PR: ti chiedo ancora notizie in merito al bellissimo video di lupi nella neve che hai girato con la video-trap, come mai si fermano e annusano in terra? visto che non usi esche alimentari?!
AN: un segreto c’è, a volte piazzo davanti alla video-trappola un escremento dei lupi di zona, in questo modo a volte i lupi stessi si fermano ad annusare quel tanto che basta per azionare il sensore della video-trap. Non utilizzo escrementi di lupi di altre zone/territori perché non vorrei mai creare tensione fra nuclei famigliari differenti. Le feci di lupo veicolano importanti messaggi territoriali, quindi non bisogna essere invasivi.

PR: Cosa si prova quando si scopre di aver catturato belle immagini?
AN: Emozioni enormi, anche se i primi video ritraevano solo lupi che passavano di sfuggita, come spettri selvaggi. La cattura più emozionante è certamente quella dei lupi nel bosco ammantato di neve: fieri, attenti, coesi e con una splendida pelliccia invernale. Davvero una bella emozione vederli crescere mese dopo mese attraverso l’occhio un po’ indiscreto della foto-trap e notare i cambiamenti fisici. Diventare adulti non è per niente scontato per lupo: obbligato ad affrontare agguerrite prede come il cinghiale, a evitare i bracconieri, le strade e le ferrovie. E sempre attento a non scontrarsi con i lupi rivali.

PR: Altri episodi e curiosità riguardo alla tua passione di “fototrappolatore”?
AN: Mi piace molto osservare le interazioni dei selvatici quando si imbattono in un escremento di lupo, per esempio ho notato che alcuni giovani di daino scappano, qualche cinghiale invece si ferma e si guarda attorno attentamente. Mentre tasso e volpe spesso ci marcano sopra (con escrementi, urina e raschiamenti).

PR: Quanta pazienza ci vuole prima di avere buoni risultati con questa tecnica?
AN: Molta pazienza mentre la passione sostiene nei momenti di sconforto. La cosa più importante è essere costanti e non scoraggiarsi mai, visto che la maggior parte delle volte la video-trap riprende svariati animali selvatici e rarissimamente i lupi. Spesso mi ritrovo in posti molto selvaggi e isolati dove mi concentro per cercare sentieri battuti da animali, a volte cammino per ore smaniando di trovare qualche traccia: una cacca, un impronta, una pista impressa nel fogliame del sottobosco.

PR: Credi che la tua passione possa essere utile alla “comunità”?
AN: Forse si, visto che le voci di paese dicono che i lupi “sono troppi”, lo dicono senza avere prove scientifiche a riguardo e infatti la video-trappola dimostra che i lupi non sono troppi, sono pochi se paragonati alla quantità di potenziali prede. Pochi e con territori molto grandi! Fototrappolare può essere anche un deterrente al bracconaggio.

Immagine

 

Mostra sul Lupo a Finale 2018

Il comunicato stampa in PDF: comunicato stampa mostra lupo 2018

locandina mostra lupo 2018 singolapannello_01_70x100 br

Eventi :

Sabato 23 giugno – Museo Archeologico del Finale, ore 17.30

“In bocca al lupo! Un antico predatore tra archeologia, storia e leggende”, inaugurazione dell’esposizione di fotografie di Nicola Rebora e Paolo Rossi, di reperti archeologici, proiezioni e supporti didattici dedicati all’antico rapporto del lupo con l’uomo, a storie, tradizioni, fiabe e leggende su questo animale e alla sua presenza in Liguria. A cura di: Museo Archeologico del Finale e Istituto Internazionale di Studi Liguri sezione Finalese. Ingresso libero.

Giovedì 12 luglio – Museo Archeologico del Finale, ore 21.00-23.00 apertura straordinaria 

Ore 21.00, “Sulle tracce del lupo” – Visita guidata alla mostra “In bocca al lupo! Un antico predatore tra archeologia, storia e leggende” e incontro con esperti di fotografia, biologia e archeologia per scoprire storie e curiosità su questo animale. Costo 5 € a persona.

Sabato 18 agosto – Museo Archeologico del Finale, ore 21.00-23.00 apertura straordinaria

Ore 21.00, “Sulle tracce del lupo” – Visita guidata alla mostra “In bocca al lupo! Un antico predatore tra archeologia, storia e leggende” e incontro con esperti di fotografia, biologia e archeologia per scoprire storie e curiosità su questo animale. Costo 5 € a persona.

 

 

 

 

Pastori di Capre amanti dei Lupi (Val Bormida SV)

Il pastore di capre amante dei lupi
29 Aprile 2018 – Cairo Montenotte

10377165_789441401095979_219255118121527378_n

Passando nella piazza del paese di Cairo M. scorgo numerosi stand con prodotti locali, mi avvicino al primo “formaggiaio” che mi ispira fiducia: in primo piano dei bellissimi formaggi stagionati e sullo sfondo degli striscioni con delle foto di splendide capre camosciate, le sue, anzi, le loro! Insieme a Mario infatti c’è la figlia Francesca. “Azienda Agricola La Cavagnola – Dego SV”. La sera prima, due cari amici fotografi (Roberto e Andrea) mi hanno mostrato la foto di una carcassa che hanno trovato di recente in una radura  proprio nella zona del Dego: un capriolo predato (forse dai lupi).
PaoloRossi: Mario abiti in un “posto da lupi” e allevi capre quindi ti chiedo subito se hai mai subito predazioni?
Mario: No, nessuna perché ho cani e recinti elettrici, eppure i lupi ci sono.
PR: Recinti a 4fili e cani da pecora abruzzesi?
Mario: Si recinti a 4fili ma senza “cani abruzzesi”, per ora ho solo i miei cani di famiglia “meticci” che stanno in compagnia delle mie 70 capre, 40 delle quali pascolano sempre fuori, all’aperto.
PR: Da quanto tempo fate questo mestiere e da quanto tempo ti sembra che i lupi siano presenti in Val Bormida in modo più costante?
Mario: Facciamo questo mestiere dal 2007 e sono almeno 4 anni che i lupi si avvistano spesso sul territorio o meglio, si avvistano spesso le loro tracce e alcune carcasse di caprioli. In realtà i veri problemi riguardano i cani vaganti/rinselvatichiti che sono presenti sul territorio, attaccano gli animali domestici e a differenza dei lupi, hanno poca paura dell’uomo.

(PR: Non è la prima volta che mi vengono segnalati vari problemi con cani vaganti nel savonese, dalle mie parti – genovese – invece il problema sembra molto più limitato)

947372_571533282886793_866431390_n

PR: Mario come hai iniziato a fare prevenzione per evitare attacchi dei lupi?
Mario: Mi sono documentato da solo, per conto mio e ho provveduto ad attrezzarmi con il recinto a 4fili, senza aspettare che mi venisse consegnato da enti, autorità o simili. Per imparare ad utilizzarlo correttamente mi sono rivolto ad allevatori che lo usavano già da tempo (in Piemonte). Ho imparato direttamente sul campo quindi. 

PR: Di recente il sindaco di Masone ha dichiarato “da quando il lupo è tornato non viviamo più tranquilli”, cosa ne pensate?
Mario: Direi che queste paure non riguardano me e Francesca, vedere un lupo è sempre stato un mio sogno, un sogno che solo di recente sono riuscito a realizzare. Mi sono affacciato dalla finestra di casa mia (circondata da capre, prati e boschi) e ho notato proprio sotto di me questo canide scuro, quando mi ha fissato negli occhi con quello sguardo magnetico e quegli occhi gialli intensi ho capito che era lui, pochi secondi ancora ed è trotterellato via senza fretta, sinuoso e selvaggio. Nessuno dei nostri cani ha abbaiato e lo ha inseguito. E pensare che di solito abbaiano a tutto e tutti, forse avevano paura o forse si sono semplicemente goduti il momento come ho fatto io.

PR: E se i lupi uccidessero qualcuna delle vostre capre come reagireste?
Mario: accetteremmo l’evento come parte delle leggi della natura, lo prenderei come un sorta di obolo, una piccola tassa da pagare per vivere e allevare negli splendidi boschi e pascoli del Dego. Dobbiamo essere noi allevatori a mettere in atto sistemi di prevenzione per evitare predazioni, il lupo dopo tutto, fa solo il suo mestiere.

(Foto da “AziendaAgricolaLaCavagnolaFormaggiDiCapra” – Pagina Facebook)

 

Invito a ragionare sui lupi – Alberto Pastorino

Questo post di A.Pastorino (facebook pagina “sei di Masone se …”) è in risposta ai deliri di queste settimane da parte dell’opinione pubblica sul tema “lupi”. Sono apparsi articoli e dichiarazioni imbarazzanti come queste: http://www.primocanale.it/notizie/allerta-lupi-in-valle-stura-pecore-sbranate-il-sindaco-di-masone-siamo-esasperati–197116.htm

Buongiorno a tutti,

vorrei fare un pò di chiarezza riguardo alla predazione avvenuta a Largafuiè. Qualcuno griderà subito all’ “Ambientalista”, ma in realtà parlo come professionista che studia gli animali selvatici e appassionato delle nostre montagne. Ho ben chiari i problemi che crea la presenza dei lupi, anche a persone che mi sono molto care.

Con quanto segue quindi non voglio dire che sia bello che avvenga una predazione di lupo su animali domestici, è un danno economico per gli allevatori.

Vorrei solo avvisare “Non è tutto oro quello che luccica” e non tutte le cose sono realmente come vengono raccontate la prima volta al bar/Facebook.

Ho parlato con i Carabinieri Forestali che hanno compilato il verbale, quindi QUESTI sono i fatti accertati:
5 pecore adulte predate, di cui 2 consumate, 3 uccise ma non mangiate
2 agnelli consumati

Dai 30 animali iniziali siamo passati quindi a 7 (minimo)

Questo è “normale” (non che sia bello) in caso di attacchi al bestiame.
I lupi si sono evoluti per attaccare un gruppo di prede (cervi, caprioli, cinghiali): ne abbattono una, quando tutto è finito le altre sono sparite. Invece in caso di attacco agli ovini una volta uccisa la prima le altre sono ancora in zona avendo perso gli istinti di fuga, quindi ne uccidono un’altra, e un’altra, e un’altra ancora..
Non è gusto per l’uccisione ma puro istinto. Il termine tecnico è “surplus killing”, uccisione multipla. Lo fanno anche faine nei pollai, volpi, orsi ecc.

2 lupi sono sufficienti, non ne servono 200. 
A Capanne al momento ci sono due branchi con zone distinte. In zona Vesulina, Piani, Praglia, Veleno, Turchino, Giutte ne ho ripresi con fototrappola sempre 2 (una coppia).
A Capanne un’altra coppia si è riprodotta lo scorso anno, quindi ci sono 4-5 giovani (ultime info dell’autunno però), ora possono essere meno per: 
1)morti 
2) i giovani se ne vanno a cercare casa

I pastori hanno denunciato la scomparsa di altri 26 agnelli, spariti però nel nulla nonostante le ricerche ad ampio raggio in zona. 
Tutti questi animali dovrebbero essere spariti in una sola notte? Questo dicono i pastori

I lupi non avrebbero potuto farlo nemmeno con un camion.

Hanno abbattuto 7 animali e hanno consumato quasi completamente due pecore adulte e due agnelli..questo richiede tempo. Una volta sazi avrebbero portato via 26 agnelli per almeno 1-2 km? Avanti e indietro ogni volta?
MAI SUCCESSA UNA COSA DEL GENERE

SUGGERIMENTO:
Pasqua è passata da un paio di settimane..
l’agnello pasquale è un classico, i pastori con questo grande gregge ne avranno venduti molti…
I lupi attaccano e uccidono parecchi animali (7!), perchè non denunciarne un pò di più e provare a farsi risarcire?? Questa è gente senza scrupoli.

Per quanto riguarda i pastori aggiungo:
il Marchese dopo anni in cui rifiutava di concedere affitti, di colpo affita 3 cascine (Largafuiè, Liggia e Verne), perchè?Sono state introdotte tasse sui terreni incolti. Trova questi pastori siciliani, non so altro, ma so che il pastore sardo da cui hanno comprato le pecore avrebbe fornito anche i cani da guardiania anti-lupo (che funzionano) ma loro HANNO RIFIUTATO.

Buttano le pecore in Appennino, dove i lupi ci sono, senza recinti, con due cani (uno cucciolo), sparse su un’area molto ampia, partoriscono all’aperto, restano fuori di notte senza custodia o in recinti ridicoli di griglia e bancali messi in verticale.

Sembra il manuale di come non si fa il pastore, oppure il manuale di come attirare i lupi.

Inoltre questi pastori (che nei post precedenti sono stati dipinti come dei santarellini e vittime) usano senza permesso pascoli di allevatori locali, producono formaggio in baracche ed escono dal nulla con modi molto violenti (durante verbale dei Carabinieri Forestali).

Scusate tanto la lungaggine ma volevo spiegare bene i fatti (non supposizioni) e manifestare alcune idee che mi sono fatto su questi personaggi, di sicuro non molto trasparenti.

La prevenzione tramite recinti e cani pastore è l’unico modo per evitare le predazioni (infatti è la prima predazione da molto tempo dopo l’utilizzo di recinti elettrici e cani, per esempio ai Piani).

Il fatto di dover usare i recinti e quindi perdere libertà e spazi è innegabile, questo è sicuramente un fatto negativo della presenza dei lupi.

Ah, ultima cosa: I LUPI NON SONO STATI MOLLATI

Mettetevi il cuore in pace, i lupi creano problemi di convivenza E’ PERFETTAMENTE VERO, ma non deve esserci per forza un oscuro “LORO” (ambientalisti cospiratori) che hanno mollato i lupi in passato. 
Il problema dei lupi esiste comunque, non viene ingigantito dall’origine. 
Quindi fidatevi. 
Io non vado a spiegare ad un ingegnere come costruire un ponte o ad un medico come fare un intervento al cuore, mi occupo di quello che ho studiato..

Le montagne sono state abbandonate nel dopoguerra, il lupo è protetto dal ’73, caprioli e cinghiali sono tornati..

spazi liberi + cibo = voilà!

Un lupo percorre 30-40 km a notte (accertato seguendoli nella neve, non so chi altro lo abbia fatto qui e possa contestare), quindi arriva ovunque alla svelta.
Gli scienziati/politici si vantano dei successi, reintrodurre il lupo (dal loro punto di vista) sarebbe stato un successo eccome, perchè allora non vantarsene? Perchè voler vedere una congiura a tutti i costi?

Elenco di reintroduzioni super pubblicizzate ed acclamate:
Lupi nel Parco di Yellowstone
Gipeto sulle Alpi
Grifone in Sardegna e in Abruzzo
Orso in Trentino

Perchè spendere i soldi per mollare i lupi quando sono perfettamente in grado di tornare da soli? Ragioniamo sempre sui perchè 😉

Passo e chiudo e resto disponibile per chiarimenti su tutto, si può anche organizzare una bella serata di discussione, anche accesa! 
L’avevo anche proposto al Sindaco Piccardo non appena era stato eletto.

Un saluto a tutti e un invito a ragionare,
Alberto

23231536_1574010179288581_2446712850276721312_n

Un Aprile da lupi!

12 Aprile (Ospite) – BERGAMO

Cinema del Borgo via Borgo Palazzo 51

LA VALLE DEI LUPI di J- M. Bertrand ore 21:00


13 Aprile – GENOVA

Radice Comune via S.Bernardo 34R

INCIVILI di Paolo Rossi ore 18.30


27 Aprile – MILANO

G.O.L. C.so Garibaldi 27 (angolo Via Strehler 2)

IL LUPO HA FATTO GOL di Paolo Rossi ore 21:00


28 Aprile – BORMIDA SAVONA

Il lupo e i suoi segreti di Paolo Rossi

Cascina alla Mano Bormida – iscrivetevi al 338 1214806

Accademia di Benesserologia ore 20.00

29243257_562442660815456_1638876449_o

Trovata una lupa morta sull’Appennino Ligure Piemontese

Il Guardiaparco Ferrando Germano mi ha segnalato una femmina di lupo (Canis lupus italicus) trovata priva di vita, probabilmente investita da un automobile nella notte tra mercoledì 21 marzo giovedì 22 marzo nel tratto della SP456 fra Gnocchetto (AL) e Rossiglione (GE). Una zona ricca di biodiversità che si trova non distante dal Parco del Beigua e dal Parco di Capanne di Marcarolo. Il corpo della lupa verrà presto trasferito all’Università di Torino per capire con certezza le origini della morte.  Le foto sono state scattate da colui che ha trovato il corpo, Matteo Chiappino, che ringrazio.

Si tratta della seconda femmina di lupo deceduta nel giro di pochi giorni in Liguria, il 9 marzo infatti ne fu trovata un’altra (forse investita a sua volta da un’automobile) in località Neirone (GE).

29250321_562442687482120_13138071_o 29243257_562442660815456_1638876449_o 29391504_562442674148788_1524519046_o

Attenti al lupo

Venerdì 9 marzo si è svolta nella biblioteca pubblica di Novi Ligure, sede del centro comunale di cultura G. Capurro, la conferenza dal titolo Attenti al Lupo, a cura di G.E.A. Animal’s Land Onlus, associazione che si occupa della protezione degli animali, rappresentata dalla sig.ra Fiammetta Bollero,  con Paolo Rossi, fotografo di fauna selvatica e naturalista che da anni svolge attività di monitoraggio e salvaguardia del lupo vivendo a stretto contatto con il territorio, e M.Grazia Gavazza rappresentante della sezione C.A.I. di Novi Ligure.

Durante l’incontro si è parlato del ritorno naturale del lupo appenninico (Canis lupus italicus) nei nostri luoghi, o meglio, nei suoi luoghi, ossia in quell’ecosistema che corrisponde ai boschi ed alle praterie della catena appenninica ed alpina da dove  era scomparso in passato a causa della persecuzione dell’uomo perpetuata nei secoli nei confronti di questo predatore per via delle leggende e delle credenze popolari che lo hanno ingiustamente dipinto nell’immaginario collettivo come un animale pericoloso e da estirpare in quanto emblema di aggressività  e di tutto ciò che è selvaggio ed elude dal controllo dell’essere umano sulla natura.

Il giovane fotografo e documentarista Paolo ha illustrato le sue fotografie e filmati raccolti durante gli anni di appostamenti nell’entroterra ligure e non solo, ed ha spiegato al pubblico le modalità del suo lavoro di fotografo naturalista, attività che lui stesso paragona a quella degli antichi lupari di un tempo, ma con la differenza che al posto del fucile egli utilizza una macchina fotografica reflex per immortalare questi splendidi animali nei suoi meravigliosi scatti.

La conferenza è proseguita con gli intereventi dei vari relatori che hanno ribadito che nonostante tutto permane ancora da parte di alcuni un sentimento di avversione nei confronti del lupo dovuto soprattutto ad una scarsa o poco approfondita conoscenza in materia.

Ma oggi come un tempo il  motivo concreto di attrito nella convivenza tra uomo e lupo va ricondotto al mondo dell’allevamento e della pastorizia con la differenza che rispetto al passato ora abbiamo a disposizione ulteriori sistemi di prevenzione dagli attacchi di lupo,  come le recinzioni elettrificate, da affiancare al sempre efficiente ed intramontabile cane da guardianìa.

“Il lupo non deve essere visto come un problema ma al contrario come una risorsa a livello naturale e turistico” ha affermato M. Grazia Gavazza “Molte associazioni come il C.A.I. e gli enti parco promuovono ormai da anni un turismo responsabile legato all’educazione ambientale ed alla conoscenza, per esempio con la realizzazione di escursioni tematiche ed  attività outdoor con guide specializzate, in modo da offrire un’occasione per unire un momento di piacevole relax ad una esperienza didattica e scientifica.”

Luca Serlenga

Chiusura mostra “Lupi di Liguria” al MuSel

La mostra “Lupi di Liguria” si è conclusa. Ringrazio Il MuSel di Sestri Levante, il comune di Sestri Levante. Tutte le persone gentili, curiose e disponibili che lavorano/collaborano nel e con il MuSel. Grazie al giovane “Luparo” Simone Giosso che ha impreziosito la mostra con un suo poetico scatto di “una coppia di lupi liberi”. Ringrazio tutte le persone che hanno visitato la mostra e partecipato a una o più conferenze. Grazie a chi mi ha sostenuto accaparrandosi una delle 500 copie di “Incivili”, sarà mia premura (come sempre) investire le mie energie nel “cercare i lupi” – “combattere il bracconaggio” – e “divulgare” nelle zone dove il ruolo del lupo nel nostro ambiente, non è stato ancora compreso a pieno.

IMG_3227

Earth_Eastern_Hemisphere

La terra in 24 ore! (Nat Geo)

L’Uomo? Meno di un pidocchio! Se paragonato all’intera storia del Pianeta Terra
(“Cronistoria della Terra, in 24 ore” dal National Geographic Italia – Marzo 2018)

Earth_Eastern_Hemisphere

Facciamo un piccolo esperimento. Per quanto ne sappiamo, la Terra è nata circa 4,5 miliardi di anni fa. Allora fissiamo l’ora zero nel momento della formazione del pianeta e immaginiamo di raccontare il film della vita sulla Terra come se questi 4,5 miliardi di anni durassero appena 24 ore. La vita sulla terra ha origine, minuto più minuto meno, alle 3.44, ma i primi organismi pluricellulari si sviluppano solo dopo mezzogiorno, verso le 12.50. Per veder evolvere la riproduzione sessuata dobbiamo aspettare fino alle 18, o poco più. Il nostro film comincia a diventare un pò meno monotono tra le 20.58 e le 21.15, quando in rapida successione fanno irruzione sulla scena artropodi e pesci. Alle 21.30, sorpresa: solo ora vediamo apparire le prime piante terrestri. Un’altra mezzora e si presentano gli anfibi, i primi animali capaci di vivere almeno in parte sulla terraferma, seguiti dai rettili, verso le 22.17. Alle 22.48 è l’ora dei dinosauri, che dominano il pianeta. La pacchia dura quasi un’ora, fino alle 23.40. Nel frattempo si sono affacciati i mammiferi (22.56) e gli uccelli (23.12). Negli ultimi minuti il film accelera a una velocità ubriacante. Alle 23.55 e 30 secondi è il momento delle prime grandi scimmie, dalle quali i nostri antenati si separano intorno alle 23.57 e 45 secondi. Il genere Homo nasce alle 23.59 e 12 secondi. In un sospiro di sollievo, Homo sapiens spunta a 4 secondi dalla fine e lascia l’Africa quando mancano 1,3 secondi. Solo a 23 centesimi di secondo dall’epilogo questa specie ingegnosa inventa l’agricoltura. E a meno di 4 millesimi di secondo dalla mezzanotte esplode la rivoluzione industriale. Dovrebbe essere abbastanza da capire che la Terra non appartiene esclusivamente a noi. Marco Cattaneo, Direttore Nat Geo Italia

Marzo/Aprile Mostra sul Lupo a Scarperia-Megello (Toscana)

Mostra fotografica itinerante “INCIVLI”

Dal 15 Marzo al 6 Aprile Scarperia (FI) Nuovo Cinema Garibaldi

E dal 6Aprile al 30 Aprile Sesto Fiorentino (FI)

Paolo Rossi e Associazione Arzach (http://www.arzach.it/)

15 Marzo Inaugurazione della mostra e conferenza

dalle 20.00 in poi al “Cinema Teatro Garibaldi”

16 Marzo (mattino) Le scuole incontrano l’autore

Lupo Locandina.cdr