Genetta in Italia (Liguria – prov. di Savona)

gen

Una splendida Genetta (Genetta genetta Linnaeus, 1758) è stata filmata dalla video-trappola del mio amico Domenico Baiardo. La rara immagine arriva dalle zone selvagge della provincia di Savona (Settembre 2022) e si tratta di uno dei primi video che documentano l’espansione di questo predatore dalla Francia all’Italia. Domenico non ha indicato il luogo preciso del filmato per motivi di sicurezza: per non attrarre curiosi in zona o ancor peggio, bracconieri. Il video è visibile a questo link: https://youtu.be/Br8LJjSj6po

Paolo Rossi

www.paorossi.it

 

 

mdf

Workshop di video-trappolaggio in ambiente selvaggio

Documentare eticamente la presenza di lupi, mustelidi e gatti selvatici europei

24/25/26 giugno 2022

Numero partecipanti 4 al minimo e al massimo 6
Organizzatore: Rossi Paolo Wolves Photographer.
Contatti: Cell: 3489208533 e-mail: prossifoto@gmail.com

Sito ufficiale: www.paorossi.it & Instagram Paolo.Rossi_Wolves
Struttura di appoggio: Malga Zanoni (Borzonasca – GE) malgazanoni.org

FB_IMG_1636092674044

Il workshop (Campo Studio) si svolge in Alta Val Penna sopra il paesino di Prato Sopralacroce. Alloggiamo al rifugio di Malga Zanoni, struttura confortevole e situata in una location a dir poco selvaggia, le ripide praterie a sud del Monte Aiona.

Il campo si articola in tre giornate:

Venerdì 24/06/2022

– Ore 09:30 ritrovo al paese di Borzonasca (Ge).
– Trasferimento in auto sino al paesino di Zanoni ed escursione semplice “e conoscitiva” (30 min. circa) sino al rifugio dove alloggiamo;
– Pranzo al sacco (portato da casa) e breve lezione introduttiva: documentare la presenza dei predatori attraverso l’utilizzo delle video-trappole. Escursione pomeridiana e posizionamento di una o più *video-trappole in ambiente boschivo. Regole base per posizionare la video-trappola cercando di arrecare il minor disturbo possibile alla fauna selvatica e per tentare di evitare furti della camera remota. Tempistiche consigliate per provare ad ottenere risultati documentaristici concreti.

*Vi consiglio (ma non vi obbligo) vivamente di portare una video-trappola.

– Breve passeggiata e riflessione sull’importanza di posizionare video-trappole adattandosi agli imprevisti antropologici della zona: periodo di funghi, caccia aperta e presenza di animali al pascolo.

– Cena in rifugio e breve lezione: conoscere prima di filmare, breve introduzione su lupi mustelidi e gatti selvatici europei. Come una video-trappola può diventare “un occhio sul bosco” per documentare la presenza di animali selvatici elusivi: lupi, martore, gatti selvatici europei. Possibilità (prima di cena) di utilizzare il binocolo sul terrazzo del rifugio per cercare di avvistare lupi, aquile e caprioli.

mdf

 

Sabato 25/06/2022

– Ore 8:30 circa: sveglia e colazione a buffet in rifugio
– Osservare l’ambiente (con gli occhi e i binocoli). Escursione ad anello intorno al rifugio e pranzo al sacco. Spesso le deduzioni su dove posizionare la video-trappola nascono proprio dopo attente osservazioni dei movimenti degli animali selvatici in natura. Pianificare con attenzione il percorso dove posizionare la/le video-trappola, dopo aver studiato con attenzione l’ambiente.

– Pranzo al sacco preparato e impacchettato dai rifugisti.

– Pomeriggio, approfondimento sui criteri di azione pratica. Prima di posizionare la/le video-trappole occorre stabilire gli obbiettivi della ricerca documentaristica, indipendentemente che questa sia amatoriale o professionistica. Focus sul Lupo e il Gatto selvatico europeo: dove e per quanto tempo bisogna sistemare una video-trappola.

– Cena in rifugio (Prima di cena, possibilità di utilizzare il binocolo sul terrazzo del rifugio per cercare di avvistare lupi, aquile e caprioli).
– Dalla video-trappola al documentario: come trasformare il proprio impegno nel bosco in un progetto audiovisivo più strutturato. Estetica del video: le inquadrature e i luoghi più suggestivi dove posizionare la camera remota.

 

Domenica 26/06/2022

– Ore 8:30 circa: sveglia e colazione a buffet in rifugio
– Riassunto delle avventure e delle tematiche trattate nei giorni precedenti e discussione libera sul tema “selvatici, etica e video-trappole”.

– Escursione pomeridiana e recupero della video-trappola piazzata due giorni prima in ambiente boschivo. Controllo video sul computer portatile e consigli su come gestire e archiviare correttamente e ordinatamente i video salvati.

– Pranzo al sacco preparato dai rifugisti.

– Escursione finale (30 min. circa) sino alle auto e liberi tutti. Prima della partenza, i rifugisti ci racconteranno la loro esperienza con le video-trappole in zona, in fatto di lupi e di altri stupendi selvatici.
Escursioni e trekking: Non sono previsti tragitti propriamente difficili, ma il programma comprende escursioni su sentieri ripidi e in parte accidentati. Le uscite si svolgono in un tipico ambiente montano. È opportuno dunque che i partecipanti dispongano di una preparazione di base adeguata alle escursioni in tale ambiente nonché di abbigliamento, equipaggiamento e calzature idonee (scarponcino o scarpa bassa da trekking, con suole scolpite). È vivamente consigliata una borraccia/bottiglia capiente (1,5 L) per l’acqua. Molto utili possono risultare, oltre al binocolo, Reflex Camera e una Video-Trappola.

NB: Per ovvi motivi, il programma è suscettibile di modifiche, da parte dell’organizzazione, in base alle condizioni meteo, disponibilità del personale ed alle contingenze. Se il meteo non sarà orribile (allerte in atto) il campo si svolgerà anche in condizioni meteorologiche avverse (pioggia e nebbia).
Al campo non sono ammessi cani od altri animali domestici.

 

Costi (per ogni partecipante):
Il Rifugio (2cene, 2pranzi al sacco, 2colazioni a buffet, 2pernottamenti) costa 110 euro

Questo importo sarà corrisposto direttamente in loco ai gestori della struttura.

Il pranzo al sacco del primo giorno occorre portarselo da casa.

Non dimenticate anche il sacco lenzuolo o il sacco a pelo.

Il mio compenso come guida e relatore per tre giorni è di 150 euro

Quindi il costo totale del workshop per ogni partecipante è di 260 euro

Felis Gatto Sarvaego
Info e contatti:

Paolo Rossi Wolves Photographer (non ho WhatsApp) cell: 3489208533; e-mail: prossifoto@gmail.com

 

 

6 Marzo – Sulle tracce del Lupo e del Gatto selvatico in Alta Val Trebbia

Capriolo si nutre di Crocus (fine inverno)

Escursione sulle tracce dei predatori più suggestivi della zona ma dovremo anche tenere gli occhi al cielo perché le grandi migrazioni di uccelli -che vengono a nidificare in Europa- sono già cominciate. Senza dimenticare la padrona dei cieli della zona: l’Aquila reale, cercheremo di avvistarla. Percorreremo un anello intorno al paese di Casanova di Rovegno e attraverseremo variegate tipologie di ambiente: Castagneti – Gineprai – Faggeta. Al ritorno dall’escursione visiteremo anche la “cascina della resistenza selvatica” dove una faina fu assediata da decine di persone (50 anni fa) ma riuscì a fuggire verso il bosco.
Info e prenotazioni prossifoto@gmail.com

 

italiachecambia-1

Paolo Rossi, il fotografo dei lupi: “Vi racconto il mio nuovo cortometraggio”

https://www.italiachecambia.org/

Scritto da Valentina D’Amora

Paolo Rossi è un documentarista e fotografo genovese: dopo aver cercato (e trovato) i lupi sul territorio ligure, è riuscito, per primo, a immortalare il gatto selvatico allo stato brado in Liguria, di cui ha raccontato gli incontri nel cortometraggio “Felis”. Oggi torna con il suo quarto documentario incentrato sulla convivenza dell’uomo con gli animali selvatici.

Paolo Rossi è un fotografo e regista genovese, capace di far appassionare al “selvatico” chiunque lo ascolti, anche per pochi minuti. Con il suo linguaggio semplice, intrecciato con aneddoti e ironia, negli anni ha saputo affascinare grandi e piccoli mostrando i suoi scatti durante conferenze e workshop. Oggi ho deciso di raccontarvi la sua storia, iniziata dal suo vivace interesse nei confronti del Canis lupus, il lupo europeo, e della sua straordinaria capacità di adattamento.

Nel fitto della foresta

«Quello che oggi è il mio lavoro è nato da una passione sbocciata alle superiori: mi sono diplomato alla scuola agraria con una tesina dal titolo “Il ritorno del lupo in Liguria” e, invece di proseguire con un percorso accademico, mi sono reso conto che quello che desideravo di più era vedere un lupo dal vero». Per questo, dopo la maturità, Paolo inizia ad abbinare il suo anelito a numerosi lavori part-time: «La mia è stata una lunghissima gavetta, in cui nel tempo perfezionavo sempre di più le mie conoscenze, osservavo, approfondivo e studiavo. Finché poi, finalmente, ho iniziato ad avvistare e a fotografare i lupi, anche se per raggiungere questo obiettivo mi sono impegnato per dieci anni».

«In un certo senso, posso dire che questo sia diventato il mio mestiere per caso, perché mi sono ritrovato a sentirmi chiedere da tanti: “Portaci sulle tracce del lupo”, “Perché non crei delle magliette sul nostro entroterra?”, “Perché non pubblichi un libro fotografico con i tuoi scatti?”. E numerose altre richieste simili». Oggi organizza escursioni e workshop in natura e, a partire dal 2017, ha pubblicato ben tre libri a tiratura limitata: “Lupi estremi”, “Incivili” e “Le ombre tra i faggi”. Parallelamente alle pubblicazioni, Paolo si avvicina anche al mondo dei documentari perché desidera affrontare con un diverso linguaggio sempre temi legati al mondo degli animali selvatici, ma da un’angolazione nuova: così inizia a realizzarli in modo indipendente, senza sponsor, esclusivamente con finanziamenti dal basso. Escono “Vacche ribelli”, “La vendetta del lupo monco”, “Felis” e il suo quarto corto: “Sopravvissuti all’homo sapiens”, di cui ha appena lanciato un crowdfunding .

Ambienti primitivi

L’APPROCCIO

Al fotografo piace paragonare il suo percorso da naturalista al rapporto tra indigeni e lupi, che lo affascina molto perché è umile e non pretende risposte: «In questi anni sono stato come un bambino indigeno, perché nemmeno io pretendevo risposte. Sono partito proprio dalle tracce dell’animale: le seguivo, le studiavo, ma non riuscivo comunque a vederli. Solo con l’esperienza ho capito in cosa sbagliavo e ho corretto il tiro: per esempio, mi sono reso conto che non stavo abbastanza tempo in natura e ho iniziato a farlo in ogni stagione e anche di notte».

Durante le nottate all’addiaccio, Paolo si rende conto quanto sia necessario riuscire a scacciare le proprie paure: «È così che il rapporto con te stesso si evolve, smetti di essere legato all’idea dello stare sempre in compagnia, in qualche modo protetto, e piano piano superi tutti quei timori che ti permettono di fare il “salto di qualità”. Ed è solo continuando a provare, che sono riuscito a scattare foto che nessuno prima era riuscito a fare». Quelle di Paolo Rossi, in effetti, sono foto uniche: oltre agli scatti ai lupi, è riuscito per primo a immortalare il Felis silvestris in Liguria, una specie felina estremamente elusiva, di cui nessuno prima aveva mai documentato la presenza sul territorio.

Lo sguardo del predatore

In questi anni il fotografo s’è fatto conoscere da tantissime persone e oggi ha uno straordinario seguito che apprezza il suo lavoro e che lo sostiene in tutti i suoi progetti. «Durante questo mio percorso non ho mai ricevuto sostegno da parte di enti, parchi o sponsor tecnici. Il successo è arrivato dal basso e solo grazie a quello che in questi anni sono riuscito a creare».

L’ambizione di Paolo, però. non si esaurisce nel fare qualcosa in cui gli altri fotografi non riescono, ma nella divulgazione, attraverso mostre, conferenze e incontri nelle scuole che sono la spina dorsale del suo lavoro.

IL NUOVO DOCUMENTARIO

“Sopravvisuti all’Homo sapiens” è un cortometraggio che racconta quali animali selvatici hanno resistito tra le montagne dell’Appennino ligure/piemontese negli anni di massima espansione della civiltà rurale. La situazione viene analizzata su tre fronti: storico, quindi perché l’uomo in passato ha sterminato gli animali; documentaristico, con le straordinarie immagini girate nei boschi da Paolo e il suo staff di naturalisti; scientifica, con l’intervista a un biologo che illustra per quali motivi sono riusciti a resistere all’uomo.

«Sono contento, perché stiamo creando documentari video e fotografici, mostrando tutto il bello che c’è proprio dietro casa: documentare la biodiversità ligure, in zone sconosciute ai più, che somigliano all’Alaska». E oltre a dimostrare l’esistenza di animali sconosciuti, Paolo porta avanti una battaglia etica anche dal punto di vista dell’impatto ambientale, perché i suoi lavori valorizzano l’ambiente e i territori poco conosciuti, seppur vicino casa. Concludo, sorridendo, il nostro incontro, chiedendogli come si vede tra dieci anni, visti i progressi del decennio appena trascorso: «Morto assiderato!».

Una chiacchierata illuminante che fa venire voglia di appassionarsi all’argomento, perché le sue immagini, che immortalano i nostri boschi in tutta la loro bellezza, sono un carburante positivo dei confronti della biodiversità locale.